Istituto Comprensivo I "Via Mariani"
Via F. Mariani, 1 – 20851 Lissone (MB)
Tel. 039 481325 – Fax 039 484353
PEC: mbic8f4007@pec.istruzione.it – Email: mbic8f4007@istruzione.it
CM: MBIC8F4007 – Codice Fiscale: 85019030155 - Codice univoco: UFPDSE

Il primo post del 2021 è dedicato alla Giornata della Memoria che è stata celebrata anche nelle classi della scuola Tasso.

La tematica non è semplice, sia per la questione in sé, sia per l’età dei bambini.

Come trattare questo argomento, caldeggiato e raccomandato, con i piccoli?

Come educarli al rifiuto dell’odio rinunciando alla crudezza?

Come comprendere le dinamiche senza possedere le basi storiche?

Come conoscere senza sapere tutto?

Le immagini possono dare l’idea del lavoro svolto.

Innanzitutto nelle classi più basse si è lavorato sulla difesa dei deboli e sulla “parte giusta”, sull’amicizia e sull’affetto, con il supporto di dolci oggetti transizionali, con letture ed albi illustrati di qualità.

Quando si arriva alle classi più alte (quarta e quinta) ci si può permettere di addentrarsi più a fondo: analisi dei termini, inquadramento storico e politico, conoscenza della simbologia e soprattutto dei personaggi fondamentali della nostra civiltà.

La metodologia è quella a noi cara: i messaggi più densi sono veicolati dalle attività manipolative, dai disegni e dall’arte, dai video e dai film, dalla musica. Con tempi adeguati, distesi, anche lungo tutta la settimana; con parole di speranza e positività.

In un taglio interdisciplinare che interessa anche la lingua Inglese e che sviscera gli aspetti di Educazione Civica che da quest’anno devono essere portati alla ribalta.

E’ così che i bambini imparano tutto, è così che vengono avviati anche alla consapevolezza di questioni fondamentali della nostra storia di esseri umani.

Una consapevolezza, però, che è fondamentale che maturi nel tempo, in continuità, fino a consolidarsi nell’età adulta.

A quel punto la scuola avrà ormai completato il suo compito e sarà quindi responsabilità di tutti la difesa dei diritti umani, della vita, del rispetto reciproco.

Ci piace immaginare che i nostri bambini e le nostre bambine, da grandi, ripenseranno e vivranno le Giornate della Memoria da bellissimi adulti e adulte responsabili e consapevoli…. e magari torneranno anche solo per un attimo a quel libro, a quell’orsacchiotto, a quel disegno o lavoretto che avevano fatto a scuola, e, ancora, magari, se ne serviranno a loro volta per veicolare messaggi di pace ad altri piccoli.