Istituto Comprensivo I "Via Mariani"
Via F. Mariani, 1 – 20851 Lissone (MB)
Tel. 039 481325 – Fax 039 484353
PEC: miic8f400a@pec.istruzione.it – Email: miic8f400a@istruzione.it
CM: MIIC8F400A – Codice Fiscale: 85019030155 - Codice univoco: UFPDSE

Mattinata emozionante il 18 maggio in sala consiliare anche per le quinte A-B-C del plesso Tasso.

Le classi hanno partecipato al Consiglio Comunale dei ragazzi e delle ragazze 2019 proponendo un progetto dal titolo Rispett-art. 
Nel progetto la tematica del vandalismo in città è stata approfondita con un taglio artistico, chiedendo aiuto alla street-art.
L’intervento in sala consiliare si è svolto con uno sketch nel quale alcuni vandali-writers imbrattavano un muro per noia e interagivano con dei “cittadini” indignati. Questi, per far ragionare i primi, mostravano loro immagini di vera street-art, con opere di Banksy e del francese Julien De Casabianca, meravigliose e con forti messaggi.
I “cittadini” hanno poi spiegato a tutti che gli alunni della Tasso si sono lasciati ispirare da De Casabianca, realizzando murales con immagini prese da dipinti antichi che raffigurano bambini nell’arte. Le hanno ingrandite, colorate e applicate su una rete di supporto e hanno chiamato i risultati finali “ALES”, in quanto mur-ales senza il muro: le reti infatti possono essere appese a qualunque muro, spostate e anche tolte per sempre se lo si desiderasse.
Un esempio di come l’arte possa riqualificare i muri della città nel rispetto totale degli stessi.
Le fasi della realizzazione degli ALES sono state rese visibili in un simpatico video.
Al termine dello sketch un rap ha lanciato il saluto finale e uno degli ALES è stato mostrato a tutti dal vivo e donato al Sindaco Concetta Monguzzi, a ricordo dell’esperienza.
La tematica del vandalismo in città è stata ampiamente rielaborata in classe in ambito linguistico, parallelamente ai lavori artistici che hanno impegnato i ragazzi per circa due mesi.
Si è trattato di un lavoro lungo, ricco e impegnativo, ma che ha lasciato un forte impatto in tutti i ragazzi, coinvolti ciascuno con un proprio ruolo.
Distinguere il bello dal brutto, il giusto da ciò che non lo è, è il primo passo per rispettare la città, per diventare cittadini consapevoli.